Arriva l’Inverno: Come Avere un Giardino Bello e Accogliente

Curiosità

I cromatismi dell’autunno lasciano spazio alla scala di grigi e di marroni della stagione invernale, affiancati dal candore della neve (se saremo fortunati!): l’inverno sta per iniziare ma non dobbiamo dimenticare di avere comunque cura del nostro giardino e di renderlo bello e accogliente con piante colorate e resistenti alle intemperie 

Foto di Eva Elijas da Pexels

In uno splendore di fuoco,
rosse, gialle, bruciacchiate
le foglie se ne sono andate.
L’albero ora tende
le braccia nodose e nere
verso un cielo grigio e greve.
L’inverno è arrivato.

Albero secco, di Corinne Albaut

L’inverno sta per arrivare e, anche se trascorreremo meno tempo in giardino, è comunque molto importante prendersi cura del nostro spazio esterno.
E se durante la stagione invernale la manutenzione richiesta è inferiore, perché le irrigazioni sono meno frequenti e alcune piante per via delle temperature rigide sono in riposo vegetativo, ci sono comunque tanti accorgimenti che non dobbiamo dimenticare.

Ricordiamoci infatti che una buona manutenzione del giardino durante l’inverno ci consentirà di avere uno spazio esterno bello e accogliente quando la natura si risveglierà, all’arrivo della prossima primavera. 



La manutenzione del prato

Foto di cottonbroda Pexels


Prima di tutto, è molto importante tenere pulito il nostro prato nella stagione invernale raccogliendo tutte le foglie che sono cadute, per evitare che si formino muffe o marciumi e consentire quindi all’erba di “respirare” e svolgere la sua fotosintesi clorofilliana, già ostacolata dalla scarsità di luce. Anche se siamo in inverno, il prato andrà tagliato avendo cura di lasciare qualche centimetro in più rispetto al solito: in questo modo aiuteremo il nostro manto erboso ad avere più luce.
Per evitare inoltre di danneggiare il prato, in inverno, sarebbe bene non calpestarlo quando la superficie è ghiacciata o coperta dalla brina: eviteremo così di rovinare gli steli delle piantine di erba.
Attenzione, inoltre, alle erbacce invernali: prendetevi del tempo per controllare le erbacce perché alcune germogliano anche in inverno quando c’è “meno concorrenza”. E’quindi importante affrontarle subito, prima che si stabiliscano.


L’irrigazione


Nei periodi particolarmente piovosi, è molto importante sospendere le irrigazioni e fare attenzione ai ristagni d’acqua. Se avete un impianto di irrigazione, per evitare che questo si congeli ricordatevi di chiuderlo prima che sopraggiungano le gelate. 


La potatura degli alberi da frutto (e la neve nel giardino)


Se nel vostro giardino avete alberi da frutto ricordate di iniziare i lavori di potatura nelle giornate più miti e soleggiate (i nostri esperti sono a vostra disposizione!) e per prevenire eventuali malattie fungine dell’albero, ricordate di eseguire trattamenti rameici a base di poltiglia bordolese, al momento della caduta delle foglie.
Se dovesse nevicare, appena possibile fate vibrare bene i rami principali dell’albero (quando la neve è ancora farinosa) per liberarli dal peso ed evitare la “scosciatura”, ovvero, la spaccatura del ramo nel punto di innesto sul tronco.
Questo intervento è ancora più importante quando la nevicata è precoce, quando le foglie non sono ancora del tutto cadute e trattengono una massa maggiore. 

AAA attrezzi in ordine

Dato che in inverno l’utilizzo degli attrezzi da giardino viene spesso ridotto all’ultimo, approfittate del momento per pulirli bene dai residui organici accumulati nella scorsa stagione e per riporli in attesa del loro riutilizzo nella prossima primavera. 


LE PIANTE PIU’ BELLE PER IL GIARDINO D’INVERNO


Per rendere bello, accogliente e colorato il vostro giardino anche d’inverno, ci sono tantissime piante che potete scegliere: noi vi consigliamo l’agrifoglio, che rappresenta la pianta simbolo del Natale, il Prunus subhirtella, noto anche come “l’incantevole ciliegio d’inverno”, il Cactus di Natale ed infine la Callicarpa. Ma le opzioni sono davvero infinite!
Una cosa importante, però, ve la dobbiamo dire: anche se il vischio rappresenta una pianta sempreverde che potrebbe tranquillamente abitare il vostro giardino d’inverno, vi sconsigliamo di piantarla perchè è una pianta semi parassita che si diffonde molto velocemente e potrebbe colonizzare in fretta gli alberi che ha intorno. 

Agrifoglio

Foto da Pexels


E’ una pianta molto resistente, che ha origine nelle regioni atlantiche dell’Europa meridionale. Può quindi essere coltivata senza problemi anche all’esterno, quando le temperature invernali sono particolarmente rigide. Il terreno dove deciderete di impiantarlo non deve essere troppo inumidito, la buca dove inserirlo deve essere profonda almeno 50 cm e drenata da ciottoli sul fondo. Quando la temperatura scende sotto lo zero, è bene coprire la pianta con un telo leggero di tessuto.
Una curiosità: acquistate insieme esemplare maschile e femminile, per avere l’impollinazione e la produzione dei frutti.  

Cactus di Natale

Foto da Pixabay


E’ una pianta grassa che fiorisce intorno al periodo natalizio: originaria del Sud Africa, non ama le innaffiature eccessive che ne determinano il marciume della base. Il suo intervallo termico migliore è compreso tra gli 8 e i 18 gradi, quando termina la fioritura (che a volte si prolunga fino a febbraio) è importante sospenderne la concimazione e ridurre le innaffiature. 

Callicarpa

Foto da Pixabay


La Callicarpa, arbusto deciduo o sempreverde appartiene alla famiglia delle Verbanacee, attrae per i suoi meravigliosi frutti: produce infatti meravigliose e caratteristiche bacche viola che abbelliscono il giardino invernale.  È una delle piante invernali da esterno che può rimanere tranquillamente fuori tutto l’anno, sia in giardino sia in grandi vasi.
Predilige i terreni fertili ed è bene piantarle a gruppi di due o tre perché, essendo una pianta “socievole” fruttifica meglio quando è in compagnia.


Ecco qui: abbiamo cercato di darvi qualche consiglio utile per avere un giardino felice e rigoglioso, anche in inverno: non dimenticate per ultimo di scattare una foto del spazio esterno e di riporla in un posto sicuro. Potrete così creare la vostra “bacheca verde” e il prossimo anno ricordarvi dei vostri preziosi risultati.