Autunno, i Lavori Necessari Nel Tuo Giardino

Ultimi lavori all’aperto: è consigliabile anticipare i compiti in giardino prima dell’arrivo dei primi freddi. In autunno, è fondamentale dedicare del tempo a preparare il giardino per l’inverno. Potare alberi e arbusti, rastrellare le foglie secche e proteggere le piante più sensibili sono solo alcune delle attività da svolgere. Questo periodo dell’anno offre un’opportunità preziosa per preparare il terreno e garantire che il giardino si presenti in splendida forma quando la primavera farà il suo ritorno. Con un po’ di impegno ora, potrai godere dei frutti del tuo lavoro quando la natura si risveglierà dal suo sonno invernale.

Raccolta delle foglie

Come prima cosa da fare dobbiamo ammucchiare, raccogliere e compostare le foglie.

Per farlo abbiamo due strumenti che ci vengono incontro:

Rastrello

Troppo spesso capita di assistere all’utilizzo improprio di rastrelli da terra, quelli con i denti corti. I denti si riempiono subito di foglie e non si prestano per spostare il materiale da un mucchio all’altro. Tutti i proprietari di un giardino dovrebbero possedere un rastrello leggero con denti di metallo lunghi a “ragno” che abbracciano un grande spazio di accumulo. Questo utensile può servire anche per ripassare il prato dopo il taglio e raccogliere quanto sfuggito dal tosaerba.

Il nostro consiglio è quello di formare diversi gruppi non troppo ampi, creare un unico enorme cumulo comporta maggiore fatica e più tempo impiegato.

Soffiatore/aspiratore

È sicuramente uno strumento di grande utilità ma necessita di un po’ di esperienza nel suo utilizzo.

Nella funzione di soffiatore deve essere usato sui marciapiedi, cortili, sotto gli alberi e nell’intrico delle siepi per radunare le foglie in mucchi o toglierle da angoli scomodi.

Nella funzione di aspiratore (con sacca di raccolta) va usato con foglie secche. Meglio preferire modelli leggeri e silenziosi con ampia sacca di raccolta. In ogni caso rastrello e scopa sono due utensili necessari per la rifinitura del lavoro.

Non dimenticare il prato

Con l’abbassamento delle temperature diurne e notturne, e una maggior disponibilità d’acqua, il tappeto erboso ha ripreso a crescere velocemente. Oltre agli ultimi tagli, occorrono anche i fertilizzanti giusti per prepararlo all’inverno.

Tagliare l’erba controllando bene la qualità del taglio che deve essere netto senza strappare foglie e steli.

Evitare fertilizzanti ricchi di azoto a rilascio immediato perché stimolerebbe la produzione di nuovi giovani steli che potrebbero essere preda del gelo in caso di crollo delle temperature. Preferire fertilizzanti a rilascio graduale che liberano nel terreno piccole e costanti quantità di nutrienti.

Riordinare gli attrezzi

Dopo i grandi lavori che sono stati fatti dall’inizio della primavera è ora di fare un po’ di ordine tra gli utensili da lavoro verificando il funzionamento ed effettuando le riparazioni necessarie e le piccole manutenzioni che serviranno a garantirgli un lungo funzionamento.

Con l’arrivo del freddo i materiali plastici perdono elasticità e si irrigidiscono, rompendosi o crepandosi con maggiore facilità. Le più sensibili sono le canne di gomma per innaffiare. Per prima cose vanno svuotate del tutto ponendo il tubo a cavallo di un rialzo.

Gli attrezzi con manici in legno devono essere puliti con un panno umido per togliere lo sporco e lasciati asciugare ed eventualmente sottoposti a un trattamento leggero con carta vetrata a cui seguono diverse mani di vernice trasparente.

Gli utensili, o le singole parti in metallo, vanno sottoposte alle stesse verifiche utilizzando l’antiruggine dove necessario.

Tutte le lame o le superfici di taglio (forbici, cesoie, vanga e zappa) devono essere verificate ed eventualmente affilate.